top of page
  • giorgia dublino

Persino la Regina ha Bisogno di una Vicina.

L'attesa ansiosa di un ordine tramite Glovo si è trasformata in una frustrante esperienza di errore di consegna, deludendo il cliente.

Sì, avete capito bene. Insieme al nostro ordine da Chalet Ciro, abbiamo ricevuto un pacchetto inaspettato, innescando una serie di tentativi per far pervenire la busta al suo destinatario originale.

I nostri sforzi per risolvere il pasticcio sono stati complicati. Il tentativo di contattare il ristorante è stato come un labirinto senza via d'uscita poiché Puok (il ristorante coinvolto nella consegna errata) non aveva un numero di telefono. Ci siamo rivolti a Glovo per cercare di indirizzare il pasto smarrito al destinatario corretto, ma siamo stati accolti da una risposta che non aveva previsione per una situazione del genere. L'inefficacia della comunicazione e il supporto insufficiente da parte di Glovo hanno reso la situazione ancora più frustrante.

È stato veramente spiacevole constatare che il destinatario effettivo di quella busta non ha ricevuto ciò che aveva ordinato o preparato con cura. Qui sta il nocciolo amaro dell'errore di consegna. La componente umana della situazione è emersa chiaramente: qualcuno è stato privato del proprio ordine, nonostante i nostri sforzi per correggere l'errore.

Ci siamo trovati di fronte a una situazione per la quale sembrava non esserci un protocollo o una procedura stabilita per gestire un simile incidente. La risposta del servizio clienti di Glovo è stata deludente: una mancanza di soluzioni concrete o indicazioni su come risolvere la situazione. 

La mancanza di chiarezza e di un adeguato supporto da parte della piattaforma di consegna ha aggiunto ulteriore frustrazione. L'assenza di comunicazione efficace o di un canale dedicato per gestire incidenti simili ha reso la situazione ancora più complessa e deludente. Ci siamo ritrovati in una sorta di limbo sconcertante.

Ci siamo identificati con il destinatario che non ha ricevuto il suo ordine. L'empatia per questa persona è diventata una componente significativa. Il nostro tentativo di risolvere l'errore è stato respinto con una risposta sconcertante da parte di Glovo: “Non possiamo farci niente, tenetevelo!”.

Questa risposta ha aggiunto un livello di disillusione e indignazione alla situazione.

Curiosamente, nella nostra disperata ricerca per capire chi fosse il destinatario della misteriosa busta - il cui cognome non era riportato - ci siamo resi conto di non conoscere davvero chi fosse. Un momento di illuminazione, forse ironico, ci ha colti mentre ci rendevamo conto che in realtà non eravamo abbastanza sociali nel nostro palazzo da conoscere tutti i residenti. Forse questo episodio dovrebbe spingerci a essere più socievoli e a conoscere meglio i vicini!

Tutto sommato, persino la regina ha bisogno di una vicina. Anche se potremmo non essere regnanti, la connessione con i nostri vicini può essere altrettanto preziosa. Le attività quotidiane e le piccole situazioni impreviste come questa ci ricordano quanto sia importante la vicinanza e la comunità intorno a noi. 

Comments


bottom of page